• Giorgio Cappai

I Franco e la Repubblica dei Mostri e "Sciarra Chitarra Musica Battaglia", il loro secondo album.

Per uno come me, che in caso di novità catalogate nei generi di moda tende a fuggire nel già sentito confortante, preferendo gli album storici (sempre siano lodati i Verdena), nel quale spesso si trovano pieghe sonore sfuggite ad innumerevoli ascolti, scoprire una band come i Franco e la Repubblica dei Mostri è un esperienza esaltante. La band stessa dice di essere un gruppo di amici che fa della ricerca sonora distante da ogni catalogazione di genere la propria filosofia.


Dopo l'ottimo e omonimo debutto del 2016, disponibile sia su Spotify che su Youtube, la band ribadisce e raffina quella che è la sua proposta musicale: prendete come riferimento il cantautorato pop di fine anni '90 come Moltheni e Otto Ohm, l'indie rock anglosassone di band come i Typhoon, il post rock di Explosion in The Sky e Mogwai, più qualche sperimentazione che va a pescare da ciò che la scena italiana ha proposto negli ultimi 10 anni e avrete "Sciarra Chitarra Musica Battaglia".


La formazione de I Franco e la Repubblica dei Mostri.


Il disco è molto articolato, canzoni ben costruite, con la chitarra acustica e la voce del cantante che fa da collante a tutto il lavoro, oltre al violoncello di Marina Mussapi che fa da tappeto melodico alle strutture tipicamente rock acustico.

I brani parlano di viaggi, raccontano la vita di quella generazione cresciuta negli anni 90 che si è ritrovata a fare l'esperienza di crescere in due realtà a volte contrapposte, il paese dove si è nati e la città in cui si è studiato o dove si lavora.






Dare un interpretazione univoca ai testi è voluttuoso. I testi, che dimostrano l'abilità di paroliere di Adriano Aricò, rimandano a tante esperienze, dolorose o piacevoli, con cui è giusto tagliare i ponti ("Sciarra Chitarra Musica Battaglia" è una filastrocca palermitana con cui i bambini

a Palermo sanciscono la fine dei rapporti, compresi le amicizie).



la copertina dell'album.


"Sciarra chitarra musica battaglia" è un lavoro che, cosa molto rara, tende a non stancare, sollecita la curiosità. Scegliere tra un brano o l'altro non rende giustizia a un opera nata per essere ascoltata nella sua interezza.

Complimentandomi con i Franco e La Repubblica dei Mostri e sbilanciandomi, potrei già affermare che quest'album si piazza tra i primi 5 album italiani del 2020.

Detto ciò, oltre ad attendere di vederli dal vivo, non posso che invitare i lettori ad ascoltarli e valutare la veridicità di ciò che ho scritto con le loro orecchie.


TRACKLIST:

1. QUESTIONE D'ANTICORPI

2. LIVIDO BLU

3. COME NEL '93

4. GRIGIO FUMO

5. PRIMA DEL NAUFRAGIO

6. MARE PROFONDO

7. COME ERAVAMO

8. POLVERE

9. GIUDA DAGLI INFERI

10. DUE VANDALI


Articolo a cura di Giorgio Cappai.

Foto concesse da Astarte agency.


© 2018 by Rockography. Tutti i diritti riservati.

  • Bianco Spotify Icona
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • envelope-icon