• Giorgio Cappai

Godersi il paesaggio durante il tragitto: Francesco Vannini e il suo nuovo LP


Una ventata d'aria fresca per la musica leggera italiana: così potrebbe definirsi il nuovo lavoro del polistrumentista palermitano Francesco Vannini.

Il principale pregio di questo lavoro è stato l'aver messo sullo stesso livello la musica con le parti cantate: troppe volte nella musica pop la parte strumentale diventa puro contorno, o addirittura viene completamente trascurata, e ci si affida alle basi pre-registrate. Lungo le nove canzoni si possono sentire il mandolino, il sax e l'armonica a bocca.


la copertina dell'album


I riferimenti stilistici sono molteplici, su tutti Finardi, Sergio Cammariere, Lucio Battisti, Bennato e i campani audio 2(chi si ricorda l'hit "Alle venti"?). Le influenze country dei primi lavori sono ancora presenti però ben integrate nel complesso.


I testi trattano di aspetti della nostra società e dell'animo umano che spesso, per contratto sociale, spariscono nella routine quotidiana: la rabbia accumulata a causa dei rapporti sui social (Iene), le persone che in silenzio ogni giorno creano qualcosa di bello senza che nessuno se ne accorga (Canzoni dentro di me), la fine di un amore (Lascia in pace il tempo), nonché l'elogio all'ignoranza in un mondo pieno di persone competenti (Se sono bravi tutti).

Disco consigliato a tutti quelli che cercano un cantautore nuovo, che parla dei tempi in cui viviamo col suo stile, ma anche più semplicemente della buona musica da ascoltare e cantare in macchina. E non sorprendetevi se dopo un po' vi ritroverete a canticchiare "senti la piazza in subbuglio che ho qui dentro, tra la testa e il cuore..."


TRACKLIST:

IENE

NON SIAMO MICA LE STAR

RESTA COMODO

CANZONI DENTRO DI ME

COBALTO

PREGHIERA

LASCIA IN PACE IL TEMPO

QUI ORA

SE SONO BRAVI TUTTI


Articolo a cura di Giorgio Cappai.

© 2018 by Rockography. Tutti i diritti riservati.

  • Bianco Spotify Icona
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • envelope-icon